Passi al contenuto principale

Storia e tradizione

Nel 1968 è nato il laboratorio artigianale di famiglia Pirnar. Oggi Pirnar è il leader europeo dell'innovazione nel settore degli ingressi per le abitazioni.

Tempo fa’ c’era una piccola famiglia. Nel 1968 era solo un piccolo laboratorio artigianale in cui Roman Pirnar imparò il mestiere dal padre e più tardi, nel 1991, rilevò l'attività.

Oggi siamo un'azienda familiare in rapida crescita con quasi 200 dipendenti e una rete di distribuzione sviluppata in tutta l’Europa. Gli ingressi Pirnar sono trai più ammirati e realizzati senza compromessi sul mercato.


La storia dell'azienda Pirnar è una storia di innovazioni.

"Noi non vogliamo fare un buon ingresso ma un capolavoro", riflette il direttore Roman Pirnar. "Vogliamo spingerci oltre i limiti del possibile. L'ingresso è la prima impressione della casa e del proprietario, per cui vogliamo che siano degni di ammirazione, stupefacenti, impeccabili, una perla tecnologica. Perche questo può essere raggiunto, abbiamo raccolto persone più audaci e innovative a livello mondiale".

Negli ultimi anni siamo riusciti a produrre le porte in alluminio piu’isolate al mondo, e a realizzare una moltitudine di innovazioni tecniche e di design per le quali riceviamo regolarmente premi.


Il nostro modo di pensare è racchiuso nello stemma.

Il nostro logo è il simbolo della nostra tradizione e audacia. Il cavallo è simbolo di indomabile audacia e innovazione. Le ali sono simbolo di creatività e di ispirazione, con esse si può volare in alto. Lo scudo è simbolo di anni di tradizione e di famiglia. Il motto in alto rappresenta la nostra guida, l'ispirazione e la filosofia della famiglia Pirnar: Meraviglioso. Audace. Senza compromessi.


Cosa accadrà domani?

Il futuro non è una nebbia indistinta - è qui, davanti a noi. Occorre solo scoprirlo, staccare da esso la zavorra del presente.

Visione del futuro

Questo sito utilizza i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione del sito.
Questi cookie non interferiscono con la tua privacy. Più ...